Italia e Cambogia, una relazione con tante opportunità

0

La Cambogia sembra confermarsi un terreno fertile per nuove opportunità, mostrandosi molto aperta all’innovazione in molti settori. Un webinar tenutosi il 7 aprile ha fornito una panoramica generale per aiutare le imprese italiane a comprendere meglio gli sviluppi chiave dell’ambiente di investimento cambogiano e a capitalizzare le opportunità emergenti nel Paese.  

Il 7 aprile scorso l’Italian Cambodian Business Association in Cambogia (ICBA), con il supporto della Camera di Commercio Europea in Cambogia (Eurocham) e dell’Associazione Italia-ASEAN, ha organizzato un webinar per presentare le opportunità di collaborazione commerciale tra Italia e Cambogia. Come ha spiegato Sok Chenda Sophea, Ministro legato al Primo Ministro e Segretario Generale del Consiglio per lo Sviluppo della Cambogia, il Regno del Sud-Est asiatico è una delle economie in più rapida crescita al mondo, nel 2018 il tasso di crescita  si è attestato intorno al 7 per cento del PIL; trainata dall’aumento delle esportazioni e dai maggiori consumi interni. Nonostante le chiusure e le restrizioni di viaggio per il contenimento della pandemia, la rapida crescita della Cambogia è in gran parte destinata a persistere.

Subito dopo la guerra civile negli anni Settanta, il Paese ha avuto bisogno del supporto del settore privato, il sostegno del sistema internazionale e di donatori bilaterali per la sua ricostruzione, e, negli anni, è riuscito a creare un ambiente commerciale che punta su crescita inclusiva e sostenibile.

Tra le altre misure, la nuova legge sugli investimenti promulgata il 15 ottobre 2021 rappresenta un altro tassello per rendere l’ambiente di investimento in Cambogia più incentivante e conforme alle esigenze degli investitori. Nel Paese, gli investitori stranieri ricevono gli stessi diritti degli investitori nazionali, ad eccezione della proprietà del terreno; in proposito le normative stabiliscono che la partecipazione maggioritaria, pari ad almeno il 51 per cento, debba essere riservata a cittadini di nazionalità cambogiana e/o allo stesso Governo. Inoltre, gli investimenti sono aperti in tutti i settori e  non ci sono restrizioni sul rimpatrio di capitali.

Nel suo intervento al webinar, Lorenzo Galanti, Ambasciatore d’Italia in Thailandia, Cambogia e Laos, ha sottolineato come l’Italia stia prestando sempre più attenzione all’ASEAN e di conseguenza anche a Phnom Penh. A testimoniare l’impegno italiano, la donazione di oltre un milione di dosi di vaccini Astrazeneca e, a proposito della gestione della pandemia, Galanti ha rilevato come il Regno sia riuscito a contenere con efficacia la diffusione del virus e come ad oggi registri uno dei più alti tassi di vaccinazioni con una quota che raggiunge il 92 per cento della popolazione. 

Alla luce delle attuali tensioni internazionali, l’Ambasciatore ha voluto esprimere il pieno appoggio alla presidenza cambogiana dell’ASEAN nel 2022 e alla nomina di S.E. Prak Sokhonn, Vice Primo Ministro e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale della Cambogia, in qualità di inviato speciale dell’ASEAN in Myanmar.

La partnership Italia-Cambogia è un importante strumento per aumentare le capacità istituzionali dell’ASEAN e  ha un grande potenziale economico sia in termini di commercio che investimenti. Il commercio tra i due Paesi si è ripreso nel 2021 raggiungendo 416 milioni di euro, facendo segnare un +12 per cento rispetto all’anno precedente. L’Ambasciatore ha inoltre posto l’accento sul grande valore che le imprese italiane possono offrire alla crescita sostenibile in Cambogia, grazie alla loro solida esperienza e know how in molti campi come quelli di infrastrutture ed energia.

In conclusione del suo intervento,  ha invitato le autorità cambogiane a mostrare il loro supporto per la candidatura di Roma al World Expo nel 2030 dove il tema principale sarà un nuovo modello di città più inclusivo, interconnesso e  sostenibile sulla scia della trasformazione digitale.

In aggiunta, il Vicepresidente dell’Associazione Italia-ASEAN Romeo Orlandi ha affermato come il percorso di apertura verso il libero commercio rappresenti uno strumento fondamentale per la crescita della Cambogia e di altri Paesi del Sud-Est asiatico. Phnom Penh può essere presa come uno degli esempi più recenti in cui un Paese asiatico, globalizzandosi, ha acquisito  un ruolo crescente nelle catene di approvvigionamento. Il Regno ha la possibilità di attrarre investimenti grazie alla stabilità politica, network di infrastrutture in rapida crescita, un mercato interno in costante crescita e grandi incentivi per gli investimenti, come la possibilità di rimpatriare i profitti.

Orlandi ha infine ribadito che altrettanto importante è sostenere lo sviluppo di valori condivisi tra i due Paesi per approfondire la cooperazione bilaterale. L’Associazione Italia-ASEAN esercita da sempre un forte impegno nell’avvicinare le realtà dei 10 Paesi dell’ASEAN all’Italia, mettendo in luce le opportunità di cooperazione e di crescita, organizzando eventi per riunire le rispettive comunità business e di decision maker.

Recently active members
Foto del profilo di Cristina
Foto del profilo di Gabriel
Foto del profilo di Lorenzo
Foto del profilo di Rocco
Foto del profilo di Clara Lomonaco
Foto del profilo di Redazione
Foto del profilo di Davide Gugliuzza
Foto del profilo di Anna Affranio
Foto del profilo di Ilaria Canali
Foto del profilo di Nicolò
Foto del profilo di Angelo Cangero
Foto del profilo di Lorenzo Farrugio
Foto del profilo di Francesco Brusaporco
Foto del profilo di Alessandro
Foto del profilo di Vincenzo
Who is online
There are no users currently online
Members