ASEAN e UE ancora più vicine

0

A dicembre in programma un summit dal formato inedito tra i due blocchi per discutere di cooperazione commerciale e catene di approvvigionamento

Editoriale a cura di Lorenzo Lamperti

Guerra in Ucraina, tensioni in Asia-Pacifico, inflazione e dilemma energetico. Le ombre sul futuro prossimo preoccupano tanti e diventa ancora più urgente la cooperazione multilaterale. Unione Europea e ASEAN hanno dimostrato già più volte in passato di aver compreso questa necessità e ora si muovono per accelerare la collaborazione bilaterale. Con questo spirito, il 14 dicembre è stato organizzato per la prima volta un vertice dei leader nazionali dei due blocchi per discutere dell’espansione del commercio e dell’assistenza infrastrutturale. Ai precedenti vertici tra i due gruppi hanno partecipato capi e alti funzionari dell’organo esecutivo dell’UE, ma stavolta saranno coinvolti direttamente i capi di Stato e i leader nazionali dei Paesi dell’ASEAN e dell’UE. Segnale che si vuole garantire un maggiore allineamento politico, oltre a quello già esistente a livello economico e commerciale. L’obiettivo è quello di sviluppare e mettere al sicuro le catene di approvvigionamento globali minacciate dalle turbolenze economiche e geopolitiche degli ultimi mesi. L’Europa incoraggerà il Sud-est asiatico a svolgere un ruolo centrale nella catena di approvvigionamento dell’Occidente, sulla base dell’idea di “friend-shoring” tra nazioni con valori condivisi. In cambio dovrebbe offrire aiuti infrastrutturali e accordi di cooperazione economica. Magari proseguendo i negoziati per nuovi accordi di libero scambio coi Paesi membri dell’ASEAN. Sono già in essere accordi con Singapore e Vietnam ma si cerca di accelerare anche con Indonesia, Filippine, Malesia e Thailandia. Una rete di libero scambio ampliata permetterebbe di diversificare le catene di approvvigionamento e di ridurre la dipendenza dalle risorse energetiche di altri Paesi come la Russia. Nel 2021, UE e ASEAN hanno scambiato merci per 250 miliardi di dollari, ma il margine di miglioramento è ancora ampio. Non più tardi del 4 agosto scorso, l’Alto Rappresentante dell’UE per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza Josep Borrell ha ribadito l’impegno ad approfondire i rapporti con l’area ASEAN. Necessità sempre più chiara ai governi dei vari Paesi europei, che come quelli delle controparti asiatiche non hanno nessuna intenzione di tornare a un mondo diviso in blocchi. 

Membri attivi di recente
Foto del profilo di Alessio
Foto del profilo di Lorenzo
Foto del profilo di Gabriel
Foto del profilo di Cristina
Foto del profilo di Alessandro
Foto del profilo di Rocco
Foto del profilo di Clara Lomonaco
Foto del profilo di Redazione
Foto del profilo di Davide Gugliuzza
Foto del profilo di Anna Affranio
Foto del profilo di Ilaria Canali
Foto del profilo di Nicolò
Foto del profilo di Angelo Cangero
Foto del profilo di Lorenzo Farrugio
Foto del profilo di Francesco Brusaporco
Chi è Online
Al momento non ci sono utenti online
Membri