Il rapporto Italia-ASEAN a una svolta

0

Editoriale a cura di Benedetto Latteri

Ambasciatore d’Italia in Indonesia, Timor-Est e ASEAN
* Pubblicato originariamente su The Jakarta Post

La recente visita del Vice Ministro degli Affari Esteri italiano Manlio Di Stefano a Giacarta e la sua partecipazione al secondo incontro del Comitato di partenariato per lo sviluppo ASEAN-Italia rappresenta un progresso fondamentale verso il consolidamento delle relazioni tra l’Italia e l’ASEAN. Le ragioni che hanno portato il mio Paese alla decisione di richiedere lo status di partenariato per lo sviluppo sono evidenti a chiunque abbia familiarità con le dinamiche internazionali: l’ASEAN è un partner chiave in una regione strategica, l’Indo-Pacifico, una regione che ospita le più grandi economie in più rapida crescita e una vasta quota del commercio globale che passa attraverso le sue acque. L’ASEAN è uno degli esempi di maggior successo di integrazione regionale, nonché un fornitore affidabile di stabilità e crescita economica. Il suo contributo alla difesa della libertà di navigazione, alla prevenzione dei conflitti e alla promozione del pluralismo e della tolleranza è stato senza precedenti. Allo stesso tempo, nell’Indo-Pacifico stanno emergendo sviluppi preoccupanti: crescenti tensioni sul commercio e sulle catene di approvvigionamento, nonché un’intensa concorrenza sul fronte politico e della sicurezza. Di conseguenza, le potenze regionali e globali, compresa l’Unione Europea ei suoi Stati membri, guardano all’Indo-Pacifico con crescente attenzione, cercando di rafforzare la cooperazione con l’ASEAN, che rappresenta un ottimo quadro per disinnescare le tensioni geopolitiche. Dal primo Comitato misto Italia-ASEAN nell’aprile dello scorso anno, abbiamo negoziato intensamente le aree di cooperazione congiunta. È stato un processo lungo e impegnativo, culminato ieri con l’adozione di un documento di 62 paragrafi, le Aree di cooperazione pratica (APC). Gli APC riaffermano il nostro impegno a lavorare insieme in un’ampia gamma di campi. Il documento definisce la direzione futura del partenariato di sviluppo delineando una strategia che richiede un impegno globale e quindi uno sforzo molto significativo da entrambe le parti. Giusto per dare un’idea della profondità e dell’entità della nostra futura cooperazione, i campi della cooperazione includono pace e sicurezza, cooperazione marittima, buon governo e diritti umani, commercio, investimenti e sviluppo del settore privato, energia, alimentazione, agricoltura e silvicoltura, turismo , scienza, tecnologia e innovazione, tecnologie dell’informazione e della comunicazione, integrazione digitale e commercio elettronico, scambi interpersonali, gestione delle catastrofi e assistenza umanitaria, salute, ambiente e cambiamenti climatici, cultura, connettività e sviluppo sostenibile. Già prima dell’approvazione degli APC, l’Italia e l’ASEAN avevano lanciato o discusso una serie di iniziative in materia di patrimonio culturale, criminalità informatica, protezione ambientale, pesca sostenibile e sviluppo costiero e cooperazione spaziale. Inoltre, il 5 e 6 luglio si svolgerà a Kuala Lumpur la sesta edizione del Dialogo ad alto livello sulle relazioni economiche tra l’Italia e l’ASEAN, la prima che si terrà in presenza dall’inizio della pandemia di COVID-19. L’evento riunisce ministri, CEO e alti funzionari dell’Italia, degli Stati membri dell’ASEAN e del Segretariato dell’ASEAN con l’obiettivo di rafforzare i legami economici tra i nostri paesi. Riteniamo che questa iniziativa contribuirà a svelare le opportunità che il mercato dell’ASEAN offre ai nostri investitori ea costruire partnership economiche “win-win” con il Sud-Est asiatico. Come tutti possono vedere, la collaborazione che Italia e Asean prevedono per il prossimo quinquennio non si limiti a pochi temi o settori. Per avere successo, l’Italia e l’ASEAN dovranno impegnarsi pienamente nella loro partnership. In questo contesto, desideriamo elogiare la presidenza cambogiana dell’ASEAN per la fruttuosa collaborazione che siamo stati in grado di instaurare nel 2022. E non vediamo l’ora di lavorare con la presidenza dell’Indonesia nel 2023 con la quale, ne sono certo, continueremo a portare avanti con successo i nostri obiettivi comuni di pace e sviluppo attraverso la cooperazione e il sostegno reciproci. La presenza del Viceministro degli Affari Esteri italiano a Giacarta, soprattutto in un momento di estrema crisi in Europa, lancia un messaggio molto chiaro: l’Italia è pienamente impegnata nella regione e conta sui suoi amici dell’ASEAN per il successo della nostra cooperazione negli anni a venire.

Membri attivi di recente
Foto del profilo di Alessio
Foto del profilo di Lorenzo
Foto del profilo di Gabriel
Foto del profilo di Cristina
Foto del profilo di Alessandro
Foto del profilo di Rocco
Foto del profilo di Clara Lomonaco
Foto del profilo di Redazione
Foto del profilo di Davide Gugliuzza
Foto del profilo di Anna Affranio
Foto del profilo di Ilaria Canali
Foto del profilo di Nicolò
Foto del profilo di Angelo Cangero
Foto del profilo di Lorenzo Farrugio
Foto del profilo di Francesco Brusaporco
Chi è Online
Al momento non ci sono utenti online
Membri