India e ASEAN – La sinergia è nei pagamenti digitali

0

Diversi giganti del fintech indiano sono ora focalizzati sui mercati e-commerce ASEAN. Obiettivo: modellare insieme la futura infrastruttura finanziaria della regione.

I pagamenti digitali sono un fattore essenziale per la crescita della online economy: Alipay, in Cina, ha permesso nei primi anni duemila di creare fiducia e instaurare nuovi rapporti produttivi per centinaia di milioni di utenti, grazie a un semplice meccanismo di ‘paga ora, soddisfatto o rimborsato’. Diversi studi testimoniano come le piattaforme di digital payment siano stati forti catalizzatori della crescita economica cinese negli ultimi 20 anni.

L’ASEAN è ormai sede di leader internazionali del mondo dell’ecommerce B2C (vendita al dettaglio al consumatore), come Sea, Tokopedia e Grab, oltre che di una miriade di piccole entità in continua crescita.

Le azioni di Sea sono fra le più ambite nel mondo tech a livello mondiale, mentre Grab continua a evolversi in una super-app del valore stimato di oltre 40 miliardi di dollari, ed ora abbraccia virtualmente ogni aspetto della vita quotidiana dei suoi utenti.

Con ogni probabilità, nel prossimo decennio il Sud-Est asiatico completerà il suo exploit nella online economy, data la dimensione della regione, la scalabilità della sua struttura economica grazie a enormi sinergie e knowledge spillover possibili fra diversi Paesi. Ma la crescita sarà con ogni probabilità nutrita anche dall’esterno.

Per avere pieno successo ogni super-app deve saper garantire ai propri utenti, e a se stessa, delle infrastrutture finanziarie e sistemi di pagamento digitali che permettano di instaurare una importante fiducia tra attori economici.

L’India rappresenta in questo ambito un esempio di successo internazionale: dei 51 unicorni indiani, il 30% sono aziende operanti nei pagamenti digitali, sintomo che le sue industrie stanno beneficiando della presenza interna di un laboratorio leader nel fintech. Qui i pagamenti digitali sono cresciuti in soli quattro anni da 3 a 42 trilioni di rupie (2020).

È con spirito imprenditoriale che alcune scale-up finanziarie indiane fra cui Pine Labs, Zeta e Razorpay, hanno mosso i primi passi nel mercato ASEAN, acquistando piccole-medie realtà B2B e B2C. Nelle parole di Amrish Rau, CEO di Pine Labs, ‘alcuni mercati del Sud.Est asiatico sono dove era l’India circa tre anni fa: l’opportunità risiede nell’intercettare questi mercati quando ancora frammentati, dando loro una struttura finanziaria che permetta di prosperare’.

Fave, una azienda malesiana specializzata in buoni promozione nell’ecommerce, è stata rilevata da Pine Labs, mentre Razorpay sta valutando l’acquisizione di alcuni importanti player ecommerce nel food delivery: Harshil Mathur, il suo CEO, ha dichiarato che entro la fine dell’anno l’azienda investirà in due Paesi tra Vietnam, Filippine, Malesia e Indonesia, dove i mercati ‘sono simili a quelli indiani, ma al tempo stesso vi è un grosso margine di miglioramento nei pagamenti digitali’.

In ultima analisi, quindi, l’ASEAN continua a confermarsi un mercato solido proprio perché continua ad attrarre capitali dall’esterno: In aggiunta ad investimenti intra-regionali, la online economy nella regione continuerà a crescere grazie a capitali e finanziamenti provenienti da top player internazionali, siano essi legati a finanza,logistica o produttori di beni.

Membri attivi di recente
Foto del profilo di Cristina
Foto del profilo di Redazione
Foto del profilo di Gabriel
Foto del profilo di Lorenzo
Foto del profilo di Davide Gugliuzza
Foto del profilo di Rocco
Foto del profilo di Anna Affranio
Foto del profilo di Ilaria Canali
Foto del profilo di Nicolò
Foto del profilo di Angelo Cangero
Foto del profilo di Lorenzo Farrugio
Foto del profilo di Francesco Brusaporco
Foto del profilo di Alessandro
Foto del profilo di Vincenzo
Foto del profilo di Massimiliano
Chi è Online
Al momento non ci sono utenti online
Membri