Anthony Tan: l’uomo dietro il successo dell’unicorno Grab

0

Tra i 50 uomini più ricchi di Singapore, Anthony Tan è CEO e co-fondatore di Grab, l’app di ride-hailing dominante nel Sud-Est asiatico e primo unicorno della regione.

Nato a Kuala Lumpur nel 1982, Anthony Tan è l’erede di una delle famiglie più ricche della Malesia. Suo padre, Tan Heng Chew, è l’Amministratore Delegato di Tan Chong Motor Holdings Bhd, uno dei più grandi gruppi automobilistici del Paese. La sua formazione accademica include una laura con lode in Economia e Public Policy presso l’Università di Chicago e il prestigioso Master in Business Administration all’Harvard Business School (HBS), completato nel 2011. Tutto è nato proprio da lì. In un’intervista per il Financial Times nel 2014, Tan ha detto di essere stato fortemente influenzato dai corsi di capacità imprenditoriale e dagli incontri con Steve Chen, co-fondatore di YouTube, ed Eric Ries, che gli hanno fatto intravedere nuove opportunità, con molto dispiacere della sua famiglia.

Tan ha incontrato Tan Hooi Ling, che diventerà co-fondatrice di Grab, all’Harvard Business School nel 2009, mentre potavano avanti i loro MBA. Insieme hanno scritto un business plan per un’app mobile che avrebbe collegato i ricercatori di taxi direttamente ai tassisti più vicini alla loro posizione. Entrambi di origini malesi, volevano trovare una soluzione per spostarsi nel grande caos urbano. Gli autisti sarebbero stati dotati di smartphone in modo da poter comunicare direttamente con i potenziali clienti. Un’app simile a Uber ideata per dare benefici sia ai tassisti, assediati e sempre alla ricerca di corse, sia ai clienti, per farli sentire più sicuri.

Quel progetto si è classificato secondo alla HBS New Venture Competition nel 2011. Utilizzando i 25 mila dollari della vincita e i loro fondi personali, a giugno 2012 Anthony Tan e Tan Hooi Ling hanno lanciato l’app MyTeksi. Rinunciando al ruolo nell’azienda di famiglia, Anthony è riuscito a trovare vari finanziamenti anticipati da diversi investitori negli Stati Uniti e in Asia, continuando strenuamente a far crescere il suo progetto, mentre i familiari stentavano a capire cosa stesse facendo. Tan non ha mai avuto rimpianti: “Costruire qualcosa da zero, da un semplice PowerPoint e vedere le vite che miglioriamo è molto più gratificante”, ha affermato.

Dopo aver raccolto i fondi utili a sostenere un’espansione regionale, nel 2016 la startup viene trasferita a Singapore e rinominata Grab. Oggi, oltre al ride-hailing, comprende servizi di consegna (cibo, spesa, pacchi), pagamenti online e servizi finanziari ed è presente in ben 8 Paesi dell’ASEAN: Singapore, Cambogia, Indonesia, Malaysia, Myanmar, Filippine, Thailandia, Vietnam. Gli investitori di Grab includono Softbank, Didi Chuxing e Toyota. Uber ha acquisito una partecipazione dopo che Grab ha rilevato le sue operazioni regionali nel 2018. Quando è stato annunciato l’investimento di Softbank, Tan ha confermato l’obiettivo di voler crescere così velocemente, continuando “la lotta per le quote di mercato”.

“Quello che abbiamo costruito sembra affascinante, ma se vuoi davvero sopravvivere in questa gara, devi essere iper paranoico e pensare costantemente che il ragazzo alla tua destra stia cercando di ucciderti”, ha detto Tan. Tenace e motivato, le persone che lavorano con lui dicono che vuole sempre essere “il numero uno”. Ha un profondo lato spirituale, e cita Gesù Cristo come uno dei suoi esempi di leadership. Sente il suo lavoro come una “missione” per soddisfare i bisogni quotidiani degli abitanti del Sud-Est asiatico. Prima della pandemia, ha incontrato molti ministri in diverse città della regione per sostenere la legalizzazione del ride-hailing.

È sposato con Chloe Tong, la figlia del fondatore della Phileo Allied Bank, e aspettano il loro quarto figlio. Le persone che lo conoscono dicono che i suoi punti di forza sono la determinazione e la capacità di gestione del tempo. È noto per studiare casi aziendali o rispondere alle chiamate mentre corre sul tapis roulant. D’altronde, Tan ha avuto le idee chiare fin da piccolo: a sei anni disse di voler diventare un uomo d’affari. L’HBS è stato il luogo che ha visto nascere la sua idea, ma uscire per le strade di Kuala Lumpur, andare in taxi, parlare con i tassisti e non aver paura di introdurre la tecnologia in un ambiente riluttante, ha trasformato il suo piano in un business vincente.  

Nell’aprile 2021, Tan ha annunciato la probabile quotazione di Grab negli Stati Uniti, tramite la fusione con una società di acquisizione per scopi speciali (SPAC) di Altimeter Growth. L’accordo dovrebbe chiudersi entro la fine di quest’anno, facendo raggiungere all’azienda una valutazione di circa 40 miliardi di dollari.La perseveranza ha dato i suoi frutti. Con un patrimonio netto di 790 milioni di dollari, Tan si posiziona al 47° posto della classifica 2021 degli uomini più ricchi di Singapore secondo Forbes.

Membri attivi di recente
Foto del profilo di Gabriel
Foto del profilo di Lorenzo
Foto del profilo di Cristina
Foto del profilo di Redazione
Foto del profilo di Davide Gugliuzza
Foto del profilo di Rocco
Foto del profilo di Anna Affranio
Foto del profilo di Ilaria Canali
Foto del profilo di Nicolò
Foto del profilo di Angelo Cangero
Foto del profilo di Lorenzo Farrugio
Foto del profilo di Francesco Brusaporco
Foto del profilo di Alessandro
Foto del profilo di Vincenzo
Foto del profilo di Massimiliano
Chi è Online
Al momento non ci sono utenti online
Membri