TPP: dalle origini all’epicentro della politica mondiale

TPP: dalle origini all’epicentro della politica mondiale

0

Articolo a cura di Dmitrii Klementev

È probabile che l’interesse verso il CPTPP aumenti in futuro. Ecco le motivazioni

L’Indo-Pacifico rappresenta un groviglio di diversi schemi istituzionali che permettono di mantenere un fragile equilibrio di potere tra i principali attori geopolitici della regione. Le fondamenta di questo quadro sono state in gran parte gettate nella seconda parte del XX secolo. Tuttavia, alla fine del secolo ha vissuto una rinascita. La fine della guerra fredda, seguita dalla rapida crescita economica e tecnologica dei paesi asiatici, ha precondizionato lo spostamento del centro del sistema mondiale di relazioni internazionali (IR) verso l’Indo-Pacifico, per il controllo del quale è già iniziata la lotta tra le principali potenze.  

Nel 2002, la storia dell’accordo di Partenariato Trans-Pacifico (TPP) è iniziata con la firma dell’accordo di partenariato economico strategico trans-pacifico da parte di Cile, Nuova Zelanda e Singapore, a cui si è poi aggiunto il Brunei. Nel 2008, gli Stati Uniti hanno deciso di aderire all’iniziativa e di utilizzare l’accordo per arginare l’influenza cinese nella regione. Tuttavia, nel 2017, l’amministrazione Trump ha abbandonato l’accordo, che sembrava portare i negoziati sul TPP a un punto morto. A quel tempo, l’accordo aveva già 11 membri oltre agli Stati Uniti e la decisione di continuare i negoziati è stata presa alla fine. Unendosi ai negoziati, il Giappone ha preso il comando. 

Infine, nel 2018 i paesi rimanenti hanno firmato una versione rinnovata del TPP, il Comprehensive and Progressive Agreement for Trans-Pacific Partnership (CPTPP), che è entrato in vigore lo stesso anno, dopo essere stato ratificato dai sei stati firmatari. Il CPTPP tratta numerose questioni, tra cui il commercio di beni, servizi, investimenti, controlli doganali, lavoro e disposizioni ambientali. Complessivamente, le economie degli undici paesi rappresentano più del 13% del PIL globale e il 15% del commercio globale, il che rende l’accordo paragonabile alle più grandi aree di libero scambio del mondo. 

Tuttavia, a quel punto gli Stati Uniti non erano più parte del trattato, anche se “l’America è tornata” è diventato il leitmotiv dell’amministrazione di Biden, che ha sostituito D. Trump in carica nel 2021. La maggioranza assoluta degli esperti della Casa Bianca era piuttosto scettica sulle prospettive di rinnovare i colloqui con i membri del CPTPP in un prossimo futuro. Nonostante questo, la possibilità di rientrare nel CPTPP è stata spesso messa in discussione dai funzionari statunitensi: l’obiettivo stesso di impegnarsi economicamente nella regione dell’Indo-Pacifico attraverso “misure alternative” è stato da sempre una priorità assoluta. La nuova Interim National Security Strategy Guidance adottata mette l’Indo-Pacifico al primo posto tra gli “interessi nazionali vitali” degli Stati Uniti. 

Vale la pena ricordare che fino ad oggi, gli Stati Uniti non sono stati l’unico paese a prestare attenzione all’iniziativa CPTPP. Il 1° febbraio 2021 il Regno Unito ha espresso la sua volontà di aderire all’accordo. Questo passo si è ben inserito nella logica del sistema rivisto delle priorità di politica estera del Regno Unito, istituito dopo la decisione di lasciare l’UE. Nel marzo 2021 il governo britannico ha presentato una nuova edizione della Integrated Review, che indicava esplicitamente gli obiettivi del Regno Unito fino al 2030. In particolare, la Review sottolineava la necessità di “stringere nuovi accordi commerciali… adattarsi alle grandi sfide nel mondo… inclusa la crescente importanza della regione Indo-Pacifica“. Per quanto riguarda quest’ultimo punto, il governo britannico ha considerato l’ASEAN e il CPTPP come due iniziative chiave su cui concentrarsi. Per il Regno Unito, la potenziale adesione al CPTPP è valutata indubbiamente in modo positivo, in quanto permetterà al paese di sostituire i precedenti quadri di libero scambio che possedeva come membro dell’UE.

Sulla base delle dinamiche considerate, è probabile che l’interesse verso il CPTPP non potrà che aumentare nel prossimo futuro a causa di una serie di conclusioni. Prima di tutto, l’analisi precedente dimostra che i paesi dell’Indo-Pacifico sono capaci di fare scelte di politica estera indipendenti e possono essere considerati come partner credibili. Questa circostanza dimostra anche un rafforzamento dell’ordine multipolare. In secondo luogo, un maggiore interesse verso il CPTPP è spiegato anche dalla transizione in corso verso un nuovo sistema di IR incentrato sulla regione indopacifica. Infine, la dimensione geopolitica più importante degli strumenti commerciali li rende oggi indispensabili per promuovere gli interessi degli Stati a livello internazionale. Inoltre, la diffusione di queste pratiche fa sperare nella formazione di un ordine più o meno basato sulle regole in futuro, incentrato su “mega-accordi commerciali“, come il CPTPP. 

Membri attivi di recente
Foto del profilo di Cristina
Foto del profilo di Lorenzo
Foto del profilo di Gabriel
Foto del profilo di Redazione
Foto del profilo di Ilaria Canali
Foto del profilo di Anna Affranio
Foto del profilo di Nicolò
Foto del profilo di Rocco
Foto del profilo di Angelo Cangero
Foto del profilo di Lorenzo Farrugio
Foto del profilo di Francesco Brusaporco
Foto del profilo di Alessandro
Foto del profilo di Vincenzo
Foto del profilo di Massimiliano
Foto del profilo di Pierfrancesco Mattiolo
Chi è Online
Al momento non ci sono utenti online
Membri