Notizie

Il Parlamento europeo approva gli accordi col Vietnam

EU Vietnam FTA

Oggi, il Parlamento europeo ha approvato l’Accordo di libero scambio (EU-Vietnam Free Trade Agreement, EVFTA) e l’Accordo sulla protezione degli investimenti (Investment Protection Agreement, EVIPA) tra l’Unione europea e il Vietnam.

La ratifica definitiva dell’EVFTA da parte del Consiglio europeo e del Parlamento vietnamita è prevista entro l’estate 2020, mentre bisognerà attendere la ratifica da parte di tutti i 27 paesi Ue per l’entrata in vigore dell’EVIPA.

L’accordo di libero scambio eliminerà il 99 per cento delle barriere doganali tra Ue e Vietnam, stimolando il commercio in particolar modo nel settore tessile, agroalimentare e manifatturiero. Sono inoltre previste agevolazioni fiscali nei settori dei servizi e degli appalti pubblici, nonché capitoli in materia di proprietà intellettuale, protezione dei diritti umani e salvaguarda ambientale.

La Commissione Europea stima che l’accordo di libero scambio incrementerà il PIL dell’Ue di 29,5 miliardi di dollari e le esportazioni verso il Vietnam del 29% entro il 2035. Il governo vietnamita stima invece una crescita del PIL nazionale del 4,6% e delle esportazioni verso l’UE del 42,7% entro il 2025.

Enrico Letta, Presidente dell’Associazione Italia-ASEAN accoglie la ratifica come “un’ottima notizia per l’industria italiana, che trova un canale di accesso preferenziale ad una delle regioni più dinamiche e più in forte crescita del mondo. Il Vietnam è il nostro secondo partner commerciale in ASEAN dopo Singapore ed è già oggi la quinta potenza economica globale e le proiezioni indicano chiaramente che entro il 2050 raggiungerà il quarto posto, dietro solamente a Cina, India e Stati Uniti”

Alessia Mosca, Segretario Generale dell’Associazione Italia-ASEAN ed ex portavoce del gruppo S&D in Parlamento Europeo per gli accordi con il Vietnam sottolinea come “il Vietnam è al momento il Paese ASEAN più interessante per le imprese italiane, che lì trovano un tessuto di PMI capace di dialogare con le nostre aziende e un settore industriali dinamico e aperto all’innovazione. Negli ultimi anni, l’Italia ha consolidato la propria presenza in Vietnam: nel 2019, il nostro Paese è stato il secondo fornitore europeo del Vietnam, dietro solamente alla Germania”

L’economia vietnamita cresce a tassi medi annui del 6%, mentre nei prossimi 30 anni è prevista una crescita del 5%. Il tessuto produttivo è composto per il 96% da PMI intenzionate ad inserirsi nelle catene globali del valore.

Le riforme attuate negli ultimi anni, soprattutto in materia di accesso al credito e managing delle operazioni quotidiani, hanno permesso al paese di aumentare l’afflusso di Investimenti Diretti Esteri del 7,4% secondo fonti della Banca Mondiale.

L’export italiano verso il Vietnam ammontava a 1.302,42 mln. € nel 2018, con un forte focus sui settori manifatturiero, tessile ed agroalimentare.

Qui,è possibile scaricare un factsheet della Commissione europea sui benefici dell’accordo di libero scambio.
A questo link è invece possibile trovare una guida più completa agli accordi, sempre preparata dalla Commissione europea.

Eurasia and Armed Radicalism

Berlino, 27 Gennaio 2016. Il convegno organizzato dalla Nato Defence College Foundation “Eurasia and Armed Radicalism, Spaces, flows and finances of an evolving terrorism”, ha dedicato particolare attenzione all’evoluzione del terrorismo in Asia, soprattutto nelle sessione “Asiatic veterans and followers”, diretta dal Prof. Romeo Orlandi, Vice Presidente dell’Associazione Italia-Asean.

L’Asean per il sistema Italia

Il Governo Italiano, per sostenere la crescita, sta avviando una serie di iniziative che possano rendere più fluida ed agevole la penetrazione delle nostre imprese nei mercati esteri. Tra questi ultimi ve ne sono alcuni che stanno assumendo una posizione strategica a livello internazionale per il loro dinamismo economico ed i tassi di crescita.

Libero scambio, rivoluzione in corso

A meno di tre mesi dalla firma del Tpp (Trans Pacific Partnership) e in attesa di ratifica da parte del Congresso Usa, si moltiplicano gli sforzi della diplomazia economica europea e americana per cavalcare l’onda dell’integrazione commerciale e produttiva che vede ormai da anni un crescente protagonismo dei Paesi asiatici negli scambi e negli investimenti mondiali. Asia e Cina sono sempre più vicine!

Letta: "E' giunto il momento di scommettere sull'Asean e sui paesi che ne fanno parte"

Presso l’Associazione della Stampa Estera, il Comitato Direttivo dell’Associazione Italia-Asean ha dapprima incontrato – insieme al Vice Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda – gli Ambasciatori e i diplomatici dei paesi Asean. A seguire, è stato presentato a un pubblico di operatori, giornalisti, esponenti del mondo imprenditoriale e accademico l’Associazione e il suo volume “L’Asean per il Sistema Italia/Asean for Italy”.

Letta, è il momento giusto per scommettere sull'Asean

Enrico Letta scommette sui Paesi del Sud Est asiatico, con la fondazione di una associazione Italia-Asean, già presentata a Jakarta a novembre durante la visita del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, e che avrà il suo battesimo italiano martedì a Roma.

27° Summit Asean

Ha avuto luogo a Kuala Lumpur – dal 18 al 22 Novembre 2015 – il 27^ Asean Summit al quale hanno partecipato i 10 paesi dell’Associazione.

L’impegno del Governo per le aziende italiane

L’Asia è un’area nella quale si giocherà nei prossimi anni una partita di importanza strategica per le imprese italiane. La forza dei paesi del sud-est asiatico riuniti nell’ASEAN è nei loro 630 milioni di abitanti, nel PIL in costante espansione – con tassi di crescita mediamente del 5% negli ultimi anni – e soprattutto nella dimensione dell’interscambio commerciale – 14 miliardi di euro solo con l’Italia – che già ora li rende grandi esportatori e importatori.