Moda e macchinari un grande mercato per l’export italiano di qualità

0

Repubblica.it
L’export italiano verso i Paesi Asean è in crescita: un tasso di sviluppo medio del 12% dal 2010 al 2014 che l’ha portato a raggiungere i 4,8 miliardi di euro, livello mantenuto nel 2015. Ora che è nata la comunità economica l’accelerazione può essere notevole. La Sace stima per il 2018 un miliardo e mezzo di export aggiuntivo. Le scommesse sono le infrastrutture in Indonesia, i beni di consumo nelle Filippine, le energie rinnovabili in Malesia, i macchinari da filiera agroalimentare in Vietnam, i beni di lusso un po’ in tutti i Paesi. Se l’Italia saprà giocarsi le sue carte potrà recuperare quote dalla Germania e dalla Francia che sono messi meglio di noi con il 2,8 e l’1,5% delle proprie vendite all’estero dirette verso l’Asean contro lo 0,9 dell’Italia.
«L’importante – come ha ricordato l’ex premier Enrico Letta presentando a dicembre l’associazione Italia-Asean – è cogliere il dinamismo di un’area che, quanto agli investimenti diretti esteri, è passata dagli 85 miliardi di dollari del 2007 ai 136 del 2014». La quota sul totale mondiale degli Ide è salita dal 5 all’11%, grazie soprattutto a un costo del lavoro ancora basso e al ribilanciamento del modello di sviluppo cinese verso la domanda domestica.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Membri attivi di recente
Foto del profilo di Cristina
Foto del profilo di Gabriel
Foto del profilo di Alessio
Foto del profilo di Redazione
Foto del profilo di Hania Hashim
Foto del profilo di Arreniemo
Foto del profilo di niccolo
Foto del profilo di luca
Foto del profilo di Ed
Foto del profilo di Redazione
Chi è Online
Al momento non ci sono utenti online
Membri