La transizione verde sarà più forte dell’inflazione

0

Nel lungo termine la domanda di fonti rinnovabili non diminuirà a causa dei costi di produzione

I costi della produzione di energia rinnovabile sono in considerevole aumento. L’inflazione associata alla transizione verso un’economia verde – meglio nota come “greenflation” – è un argomento di discussione controverso, in quanto potrebbe avere un impatto significativo sui bilanci di governi e imprese. Negli ultimi mesi, infatti, l’incremento della domanda di energia pulita ha alimentato il boom delle richieste di materie prime che hanno subito un’impennata dei costi dal momento che l’utilizzo dei tradizionali metodi di estrazione è stato ora limitato: i prezzi dei metalli, come stagno, alluminio, rame, nichel e cobalto, tutti essenziali per le tecnologie di transizione energetica, sono aumentati tra il 20% e il 91% quest’anno. Un trend che potrebbe scoraggiare l’impiego di energia pulita.

Tuttavia, per quanto la transizione ecologica sia sempre più costosa, almeno nel breve periodo, non bisogna temere per la sostenibilità economica del settore. Lo ha dichiarato il Reuters Global Markets Forum. Quando infatti pannelli solari o altri componenti necessari della filiera dell’energia rinnovabile vengono prodotti in serie, si riducono i costi di produzione, generando quelle che vengono chiamate “economie di scala”, facilitando l’abbattimento dei costi legati alla tassazione, alla manodopera e alla pubblicità, permettendo al settore di crescere ancora di più. “I costi complessivi per l’industria green tenderanno al ribasso”, ha affermato Harry Boyd Carpenter, l’amministratore delegato per l’economia verde e l’azione per il clima della Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo.

Le previsioni sono dunque positive: l’Allied Market Research si aspetta che il mercato globale delle energie rinnovabili, oggi valutato oltre 1,2 trilioni di dollari USA, nel 2030 raddoppierà, raggiungendo quasi i 2 trilioni di dollari. Gauri Singh, vicedirettore generale dell’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili, ha affermato che, nonostante l’inflazione e le interruzioni della catena di approvvigionamento, la diminuzione dei costi di finanziamento ha contribuito alla generazione record di 260 gigawatt di energia provenienti da fonti rinnovabili lo scorso anno. “Il mercato delle energie rinnovabili si sta ammorbidendo – ha dichiarato Singh – Da ora in poi non sarà più tanto facile guadagnare da quei prodotti che vengono considerati dannosi per l’ambiente”.

Membri attivi di recente
Foto del profilo di Gabriel
Foto del profilo di Cristina
Foto del profilo di Lorenzo
Foto del profilo di Alessandro
Foto del profilo di Rocco
Foto del profilo di Clara Lomonaco
Foto del profilo di Redazione
Foto del profilo di Davide Gugliuzza
Foto del profilo di Anna Affranio
Foto del profilo di Ilaria Canali
Foto del profilo di Nicolò
Foto del profilo di Angelo Cangero
Foto del profilo di Lorenzo Farrugio
Foto del profilo di Francesco Brusaporco
Foto del profilo di Vincenzo
Chi è Online
Al momento non ci sono utenti online
Membri